AQUILOTTI SAN SATURNINO vs ASD ROMANA 12-56

05.11.2017 10:00

SAN SATURNINO vs ASD ROMANA 12-56

Davvero una bella partita, e non mi riferisco al risultato, perché quello lascia il tempo che trova, bensì al clima che si è respirato in questa palestra, dallo spirito cordiale, civile e amichevole (per niente scontato), e dalla sana partita che ho visto fare a tutti i bambini quelli di casa e noi ospiti. I ragazzini della Romana, hanno iniziato la gara “appropriandosi dello Slogan storico “Siamo piccoli ma siamo grandi”, e così è stato, sono stati davvero grandi, soprattutto nel gioco di squadra. Il primo dei sei tempi giocato molto bene si è concluso 2-2, ma è stato il preludio al netto vantaggio che si è poi concretizzato al termine della gara. Secondo parziale14-4, terzo parziale 8-2 quarto parziale 14-2 quinto parziale 12-0 sesto parziale 6-0.

La gara sofferente dell’ultima volta, ha dato una spinta a questi bambini, e tutti i suggerimenti dei coach sono stati ben assimilati da loro, perché le mancanze tecniche che hanno contraddistinto in negativo l’ultima esperienza, non si sono minimamente viste,  questo è il primo risultato positivo. La seconda nota positiva è stata senz’altro l’inserimento di Fagiani e di D’apice, quest’ultimo vecchia conoscenza del Torricelli essendosi allenato nei due anni precedenti il lunedì come integrazione agli allenamenti che svolge costantemente a Selva Nera. Un coinvolgimento in queste manifestazioni che deve essere preludio importante ed efficace secondo me all’unificazione prossima e futura dei 2007-08 all’interno dello stesso gruppo giovanile della Romana. Ma analizziamo gli atletini uno ad uno. MINICASSIERI (6 p.ti). Anomalia del Minibasket, Intruso in questo torneo Aquilotti. Ha giocato con molta disinvoltura, ed è stato una spina nel fianco per il suo avversario di turno, con molta probabilità di due anni più grande. Letteralmente un alieno, spero che in futuro non si metta anche a fare i classici rapimenti, e soprattutto non faccia sparire qualche atletino del suo gruppo. Ci sarà da aver paura? Mah! Intanto nell’attesa che si riveli appunto come un extraterrestre, mi prendo tutti i vantaggi della sua bravura. PANETTI Questa ragazzina è diventata in breve tempo molto brava, e anche se l’emozione per la sua prima partita ufficiale l’ha un po’ frenata, è stata autrice di passaggi-assist  (uno in particolare) davvero di grande qualità. Complimenti. DE LA FUENTE (8 p.ti) Che atletino ragazzi, stiamo parlando di un giocatorino davvero niente male, tecnico, rapido, intelligente, appassionato, guardarlo oggi è stato molto gratificante, sentirsi in parte meritevole delle sue competenze mi ha fatto sentire orgoglioso e fiero. Davvero bravo Henjel. D’APICE (8 p.ti) Molto più convinto della partita precedente, in cui non aveva mostrato tutta la sua bravura, oggi oltre a quella ha mostrato anche quanto sa giocare sacrificandosi per la squadra sia in attacco che in difesa. Complimenti Domenico. FORFORI. Uno dei più bravi a “GUARDARE” i compagni liberi a cui puntualmente passa in maniera molto precisa la palla, il suo avversario nella preparazione del proprio gioco offensivo, non riesce mai a sorprenderlo, perché lui intuisce prima ancora che abbia fatto il suo movimento, dove andrà a spostarsi, questo è un talento, e una competenza. Bravissimo Tommaso. TERRASINI Il pilastro di questo gruppo, il Capitano, il sostenitore, il ricucitore, gli aggettivi potrebbero continuare fino a domani, senz’altro la precedente gara con lui avrebbe avuto un altro risvolto, questo rimarrà un rammarico per me, oggi oltre ad impostare sempre il suo gioco perfetto, ha aiutato concretamente i suoi compagni con recuperi su recuperi. Davvero una bella sicurezza averlo in campo. Bravo Valerio TIBURZI (2 p.ti)  “PERFETTO” Anche lui come Valerio è una bella risorsa, in attesa del recupero dell’altro Moschettiere Andrea, mi gusto intanto le giocate e soprattutto la tenacia dei mie vecchi ed esperti Aquilotti all’interno di questo fantastico nuovo gruppo. Il suo contributo è stato sugellato da una precisione di movimenti, e di passaggi davvero impressionanti, il suo tempo è stato quello più bello, e lo è stato soprattutto grazie a lui, recuperi in difesa e assist infiniti, sono mancati solo un po’ più di canestri, se li sarebbe davvero meritati, oggi per una mia attenza valutazione, per quello che ha fatto è stato il migliore in campo, a lui lo scettro della gara, bravo e complimenti davvero. FAEDDA (4 p.ti) è bastato dirgli, per fargli capire come volevo che giocasse, che i suoi passaggi intelligenti e programmati in anticipo (qualità di cui è il numero uno) mi ricordano quelli che nel calcio faceva Totti, per inorgoglirlo e stimolarlo, e per cercare di farlo esprimere come meglio non avrebbe potuto fare. Che partita intensa che ha fatto oggi, il pallone nei suoi passaggi superava i venti metri, e atterrava perfettamente sulle mani dei compagni, se vi sembra una cosa semplice provate a fare la stessa cosa, e immaginate di avere dieci anni, vi accorgerete che è molto ma molto difficile, si tratta di capacità partorita esclusivamente dal talento e non solo dall’esercitazione. Bravo Matteo. FAGIANI (14 p.ti). Sono tanti i punti fatti da questo atletino ricco di talento e di dote naturale, sempre puntuale e preciso in ognuno di essi. Forse è rimasto un po’ sorpreso quando non ho enfatizzato il gran numero di canestri che ha fatto, invitandolo costantemente a mettere maggiore  impegno a passare e a muoversi senza palla, ma col tempo capirà qual’è il messaggio che gli mando, e cioè quello di arricchirsi di competenze e non accontentarsi dei canestri che nel Minibasket possono arrivare per tante ragioni oltre che per quelle tecniche, e la facilità con la quale spesso atleti dotati come lui riescono a farne bottino pieno, porta spesso a chiudergli gli occhi sull’applicazione verso altre competenze. Mio dovere e quello dei sui istruttori, è soprattutto questo, di non farlo “ Sedere sugli allori” permettendogli così di crescere in modo davvero completo. Sei stato davvero molto efficace e bravo. DE MATTEIS (6 p.ti) Concreto, puntuale e determinato, le sue caratteristiche che latitano quando le gare come quella della volta scorsa sono” cattive” e intense, invece in una partita come quella di oggi, emergono e si fanno apprezzare, anche questo è un aspetto da curare nei bambini, portarli cioè ad avere un unico comportamento e atteggiamento nonostante il palcoscenico cambi. Complimenti Pietro. DEL BIANCO. E’ assolutamente semplice il mio mestiere quando ti capitano atletini dello stampo di Valerio, iniziano, imparano e subito diventano giocatori di Pallacanestro. Gli dici cosa fare…. E lui lo fa! Gli dici come vuoi che sia fatto…. E lui lo fa! esattamente come tu vuoi che sia fatto. Se per MINICASSIERI c’è molto probabilmente lo zampino degli alieni, per Valerio, credo senza ombra di dubbio che si possa parlare di ingegneria genetica, un androide, un sofisticato computer inserito all’interno di quello che può sembrare un organismo vivente, perché altrimenti non si spiega come possano accadere certe cose che lo vedono protagonista costantemente da quando circa due mesi fa ha iniziato questa avventura insieme a me. Speriamo non diventi pericoloso anche lui, intanto approfitto delle immense qualità! Infine  LUNA (6 p.ti) oggi finalmente è stato tra quelli che ha fatto la differenza, sia in difesa che in attacco, mi ha sorpreso come sempre l’atteggiameno da “Lavoratore”, che assume, con un bel sorriso adatto al contesto che ha come protagonista il bambino, e il senso di sacrificio che ha permeato l’intero contributo suo all’interno della gara, questo è il Leonardo che mi piace e soprattutto che ho conosciuto all’inizio del percorso, bravo. Questa gara si commenta un po’ da sola attraverso il pensiero che ho voluto esprimere su ognuno di loro, Mi piace molto l’apprezzamento che il DS ha fatto dopo la partita, (un po’ mi piace paragonarlo ad una benedizione porta fortuna), il clima, il risultato, il pubblico, tutto è stato davvero perfetto. Sogno e spero per tutti i miei bambini sempre gare di questo tipo, grazie a tutti.