UNDER 13 ASD ROMANA vs ST. CHARLES 56-51

11.02.2016 09:48

Ennesima vittoria degli under 13 del Torricelli, che dalla seconda giornata hanno inanellato una striscia di ben sei vittorie consecutive fino ad oggi, portandondosi in vetta alla classifica con 12 punti, la gara è stata come sempre giocata con lo scopo di fare esperienza, considerando che la squadra è composta quasi esclusivamente da 2004, ed in ogni partita gli squaletti devono competere con dei giganti. L'intento della società, iscrivendo la squadra al campionato era e rimane quello di abituare i ragazzi a questo tipo di situazioni nuove, dove sicuramente, essendo all'interno di una esperienza giovanile diversa da quella a cui erano abituati, il comportamento degli atleti muta, e la sociatà vuol far si che cambi con consapevolezza e non attraverso forzatura. Le vittorie in questo campionato, quindi, non hanno nessuna importanza, ed è forse proprio questo l'ingrediente giusto che stà portando molto avanti i ragazzi, la serenità di dover prendere questa esperienza come un banco di prova e non come un obiettivo. Gara dopo gara il coach per sua stessa ammissione stà assistendo ad un costante cambiamento sul piano dell'emozione e dell'approccio, oltre a quei cambiamenti tecnici dettati dal livello della dimensione stessa, infatti dopo ogni gara i bambini stanno prendendo consapevolezza nelle propri mezzi, ed affrontano sempre e con maggior coraggio la nuova sfida che li aspetta, questo è il primo obiettivo da raggiungere, ROMANO 7 pti. ne è l'emblemma di questa mutazione, è l'atleta tanto aspettato con caparbietà dal coach in questi anni, prima insicuro,  ora quando entra in campo lo fa con assoluta competenza, anche ieri una tripla realizzata e una prestazione eccellente. TOCCHETTI 5 pti. è l'altro atleta tanto atteso, che è esploso come una "bomba atomica" proprio in questo campionato, spinta nel fianco degli avversari, da statuetta che non faceva movimento si è trasformato in un furetto che non stà mai fermo, e i suoi movimenti oltre che essere sempre funzionali alla squadra, diventano quasi sempre degli assist per il compagno di turno, grazie alla grande capacità e rapidità che ha sviluppato nel guardarsi bene intorno. CUCCOLI 7 pti. Effettivanmente è l'atleta che non aveva bisogno di questa esperienza per diventare grande, praticamente lui è grande da quando aveva cinque anni momento in cui ha iniziato a giocare, dotato di forte personalità e di un talento straordinario, per lui questa esperienza servirà eslusivamente a mettere a fuoco come si deve essere corali all'interno di un gruppo, forse è il lavoro più difficile da fare per lui, però una volta che le cose andranno così, l'atleta sarà completo, la sua gara dal punto di vista tecnico è stata come sempre eccellente, da quello tattico ci stiamo lavorando.FILIANOTI atleta nuovo a questa esperienza, ancora acerbo si è guadagnato il diritto ad entrare a far parte di questo gruppo grazie alla caparbietà e alla tenacia che ha saputo sfoderare nelle ultime settimane durante gli allenamenti, probabilmente la dimensione per lui è ancora  troppo grande, e di strada da fare ne ha ancora tanta, ma siamo sicuri che la sua crescita esponenziale continuerà, e a noi piace davvero accompagnare questi atleti nel loro percorso fino al totale raggiungimento dell'obiettivo formativo. CACCO che nelle ultime settimane ha avuto un piccolo calo di concentrazione, purtoppo a causa anche delle assenze durante gli allenamenti, ieri ha giocato una gara a due facce, nella prima parte ha faticato ad aumentare i ritmi, e proprio su questo stiamo lavorando insieme a lui, mentre nella seconda parte ha mostrato nuovamente le sue capacità di reazione e di temperamento, fornendo diversi assist, in passato ci ha abituato a questi suoi numeri, e presto tornerà il kristian che tutti noi conosciamo. CIANCAGLINI 18 Pti. un atleta di cui c'è poco da aggiungere a tutte le cose belle che si possono dire, rapido, preciso, tecnico, è stato semplicemente perfetto, come perfetto è stato TRIVILINO 3 Pti. pochi per quello che potrebbe fare in ogni gara, ma da quando lo conosciamo, ed era davvero piccolo, ha sempre giocato per la squadra, e non gli è mai interessato troppo di realizzare canestri, si può dire che per questa sua caratteristica, è sempre stato pronto, e dobbiamo aggiungere anche che quasi tutti i canestri realizzati dai compagni, sono frutto dei suoi assist. davvero complimenti. IEROVANTE 3 Pti. ha giocato una gara strana, dove si è autolimitato mettendosi anche quando non è servito al servizio dei compagni questo rivela ancora tracce di sudditanza verso alcuni compagni, che devono assolutamente sparire, è stato il migliore sul piano difensivo, perchè oltre a rincorrere continuamente il proprio avversario, si è doppiato per poter contrastare anche le ripartite degli avversari che dovevano essere marcati dai suoi compagni. RUGGIERO 2 Pti. ha giocato un primo tempo perfetto, facendo vedere intraprendenza e soprattutto sicurezza nei propri mezzi, è stato per tutto il tempo inarrestabile e incontenibile. Le successive presenze sono un pò calate probabilmente perchè aveva dato tutto, ma ha continuato comunque a mantenere un livello alto di impegno e di qualità, certo che il primo Ruggiero.... FLUMINI 3Pti. Si è mosso bene nella prima frazione di gioco è stato addirittura fondamentale per il quintetto, purtroppo ha ceduto in esagerata intraprendenza, che ha nascosto l'atleta insostituibile della prima parte sostituito da un altro Flumini prevedibile e impreciso, certo che il primo atteggiamento se diventasse una costante sarebbe davvero una bella sicurezza per la squadra. CARBONI 5 Pti. La sua partita è stata duplice, anche per lui un momento di smarrimento, (due dei primi quattro canestri subiti sono stati realizzati dal suo avversario completamente non marcato), questo a mio avviso perchè non è entrato concentrato, e perchè ha sottovalutato il proprio avversario, sono bastati però due consigli su come ci si comporta contro un avversario, forte o debole che sia, perchè si riorganizzasse, e iniziasse a sfoderare tutti i suoi numeri, questo atleta è probablmente cresciuto tanto negli ultimi mesi, e questo dimostra quanto sia intelligente oltre che bravo, si sa poi che un campione oltre che essere bravo, deve essere intelligente, e su queste due caratteristiche direi che ci siamo davvero. ADAMI è la sua seconda presenza in questo campionato, e come per la prima si è emozionato forse troppo, non è riuscito a moatrare ancora di che pasta è fatto, ma io lo conosco bene, e lo vedo sempre durante gli allenamenti, è assolutamente pronto per questa dimensione, qualcosa deve scattare nella sua testa, e sono sicuro che ciò accadrà, durante gli allenamenti quando non è sotto tensione, è cresciuto tanto soprattutto nel gioco con la squadra, e nei movimenti tecnici, con il tempo anche per lui arriverà l'abitudine a mettere a posto le cose. La gara è terminata come doveva terminare, forse il coach ha rischiato troppo, forse qualcuno si aspettava dei cambi diversi in certi momenti della gara, ma la dimensione ribadendo un concetto iniziale deve essere questa, e ne siamo davvero tutti soddisfatti.